Moody’s conferma il giudizio su Banca Carige e porta l’outlook a positivo

I progressi realizzati dalla Banca dal termine del periodo di Amministrazione Temporanea conclusosi il 31 gennaio 2020, e sviluppati, nonostante il difficile contesto, attraverso la continua attività di derisking e il mantenimento di solidi ratio patrimoniali, sono alla base della odierna rating action con cui Moody’s conferma il giudizio su Banca Carige e contestualmente ne migliora l’outlook portandolo da stabile a positivo. L’azione di rating prevede la conferma del Baseline Credit Assessment –BCA a ‘caa1’, del Long-term Issuer rating a ‘Caa2’ e del Long-term Deposit rating a ‘Caa1’. A guidare la valutazione dell’Agenzia sono stati in particolare: la riduzione del monte crediti deteriorati, avvenuta attraverso la cessione di un portafoglio di posizioni concentrate nel comparto dello shipping – ed espressa da Non Performing Exposure ratio (NPE) al di sotto della media del sistema finanziario italiano – nonché da indicatori patrimoniali che si mantengono su livelli solidi e in linea alle richieste regolamentari (Cet1 ratio all’11,8% e Total Capital ratio al 13,8% al 30 giugno 2020). Punto di attenzione dell’Agenzia resta la redditività della Banca condizionata dal ridimensionamento dei volumi intermediati in conseguenza della crisi degli anni precedenti. L’outlook, portato a “positivo”, esprime le aspettative dell’Agenzia in merito alla prosecuzione dell’opera di ricostruzione del franchise della Banca (così come recentemente annunciato con la ristrutturazione della rete commerciale e del Wealth Management), al mantenimento di un basso profilo di rischio del portafoglio crediti e al rispetto dei requisiti regolamentari in termini di patrimonializzazione.