• mercoledì, 28 Settembre 2022

Rubrica delle operazioni
1 dicembre 2020

DiRedazione

30 Novembre 2020

IT0005108763 – 20/11/2020-15/12/2020 – CARIGE:
il 18 novembre 2020 Banca Carige ha comunicato quanto di seguito:
-durante il periodo dal 23 novembre 2020 fino al 4 dicembre 2020, i titolari di azioni di risparmio Carige (azioni di risparmio) hanno la facoltà di chiedere la conversione delle proprie azioni di risparmio in azioni ordinarie Carige (azioni ordinarie) secondo un rapporto di conversione pari a n. 20.500 azioni ordinarie di nuova emissione per ogni azione di risparmio che sarà portata in conversione (conversione facoltativa); e
-a decorrere dal 14 dicembre 2020, avrà efficacia l’operazione di raggruppamento delle azioni ordinarie e – se e nella misura in cui residuino azioni di risparmio in quanto non portate in adesione alla conversione facoltativa – delle azioni di risparmio, nel rapporto di n. 1 nuova azione ordinaria, avente godimento regolare, ogni n. 1.000 azioni ordinarie esistenti e n. 1 nuova azione di risparmio, avente godimento regolare, ogni n. 1.000 azioni di risparmio esistenti. Successivamente all’efficacia del raggruppamento sarà messo a disposizione degli azionisti un servizio per il trattamento delle frazioni di azioni non raggruppabili.
Conversione Facoltativa
La conversione facoltativa sarà esercitata mediante sottoscrizione e consegna, da parte del titolare di azioni di risparmio, entro il periodo di conversione; l’esercizio della conversione facoltativa è irrevocabile.
Le azioni ordinarie che saranno emesse a fronte della conversione facoltativa saranno messe a disposizione dei titolari il 7 dicembre 2020 tramite i rispettivi Intermediari Depositari.
Il capitale sociale della Società, a fronte della conversione, non subirà variazioni e sarà suddiviso in un maggior numero di azioni, il cui ammontare complessivo dipenderà dal numero di azioni di risparmio oggetto di conversione; le azioni ordinarie risultanti dalla conversione avranno godimento regolare.
Le azioni di risparmio, non oggetto di conversione nell’ambito della conversione facoltativa, conserveranno comunque la caratteristica di convertibilità facoltativa nei termini di cui all’articolo 35 dello statuto sociale della Banca.
L’operazione di raggruppamento delle azioni ordinarie e – se e nella misura in cui residuino azioni di risparmio in quanto non portate in adesione alla conversione facoltativa – delle azioni di risparmio, nel rapporto di n. 1 nuova azione ordinaria, avente godimento regolare, ogni n. 1.000 azioni ordinarie esistenti e n. 1 nuova azione di risparmio, avente godimento regolare, ogni n. 1.000 azioni di risparmio esistenti, avrà efficacia a decorrere dal 14 dicembre 2020.
ll Raggruppamento avverrà presso Monte Titoli S.p.A. mediante emissione delle nuove azioni raggruppate in sostituzione delle azioni esistenti che ciascun Intermediario Depositario avrà rilevato nei conti titoli dei propri clienti titolari di azioni ordinarie o di azioni di risparmio.
Per quanto riguarda i possessori di eventuali azioni non dematerializzate, le operazioni di raggruppamento potranno essere effettuate esclusivamente previa consegna fisica dei certificati azionari a un intermediario autorizzato per la loro immissione nel sistema di gestione accentrata presso Monte Titoli S.p.A. in regime di dematerializzazione.
Al fine di facilitare le operazioni di raggruppamento per i singoli soci e la gestione delle frazioni che dovessero derivare dal raggruppamento, successivamente alla data di efficacia dello stesso, sarà messo a disposizione degli azionisti, per il tramite dei propri intermediari, un servizio per il trattamento delle frazioni di azioni non raggruppabili, sulla base di un valore, post raggruppamento, pari a €1,0366 per singola azione ordinaria e €21.250,30 per singola azione di risparmio.

IT0001347308 – 23/11/2020-15/12/2020 – BUZZI UNICEM:
il 19 novembre 2020 la Società ha comunicato le delibere dell’Assemblea degli Azionisti titolari di azioni ordinarie di Buzzi Unicem SpA:
A) in sede straordinaria ha:

  • approvato la conversione obbligatoria (la “Conversione”) delle azioni risparmio esistenti in n. 27.277.005 azioni ordinarie di nuova emissione in ragione di un Rapporto di Conversione pari a n. 0,67 azioni ordinarie per ciascuna azione risparmio con contestuale eliminazione dell’indicazione del valore nominale unitario di tutte le azioni in circolazione alla data di efficacia della Conversione, per modo che il capitale sociale rimanga invariato e sia diviso in sole azioni ordinarie;
  • approvato l’eliminazione dell’art. 6 dello statuto sociale e la modifica degli attuali articoli 5, 7, 8, 25 e 28 dello statuto sociale conseguenti alla Conversione ed all’eliminazione del valore nominale delle azioni;
  • stabilito che la Conversione, l’eliminazione del valore nominale e le conseguenti modifiche statutarie abbiano luogo a condizione che:
    (i) la Conversione venga approvata, unitamente alle relative modifiche allo Statuto, ai sensi dell’art. 146, comma 1, lett. b), del D. Lgs. n. 58/1998, da parte dell’Assemblea speciale degli Azionisti di Risparmio;
    (ii) l’importo da riconoscere a coloro che abbiano esercitato il diritto di recesso non ecceda l’ammontare di euro 25 milioni al termine del periodo previsto per l’offerta in opzione e prelazione ai soci di Buzzi Unicem delle azioni degli Azionisti di Risparmio recedenti, salva rinuncia alla condizione da parte della Società;
  • autorizzato gli Amministratori Delegati e comunque tutti i legali rappresentanti, in via disgiunta tra loro, per 18 mesi dalla deliberazione (salvo rinnovo) a disporre delle azioni eventualmente acquistate nell’ambito del processo di liquidazione di cui all’art. 2437, comma 5, codice civile;
    B) in sede ordinaria ha:
  • approvato la distribuzione di un dividendo straordinario, pari ad euro 0,75 per ciascuna azione ordinaria già in circolazione e di nuova emissione a seguito della Conversione, mediante utilizzo della riserva Utili portati a nuovo, per euro 144.098.884,50 massimi complessivi, dando atto che la predetta distribuzione è sottoposta alla condizione sospensiva che sia completata la Conversione e che il pagamento del dividendo straordinario, previo stacco della cedola n. 23, sarà effettuato solo successivamente al completamento della Conversione, quando il capitale sociale della Società sarà rappresentato esclusivamente da azioni ordinarie, in data da definirsi con Borsa Italiana e che sarà comunicata al pubblico nei termini e secondo le modalità di legge.
    L’Assemblea speciale degli Azionisti di Risparmio di Buzzi Unicem SpA, tenutasi successivamente all’Assemblea degli Azionisti Ordinari, ha approvato, ai sensi dell’art. 146, comma 1, lett. b) del D.Lgs. n. 58/1998, per quanto di propria competenza, la delibera assunta dall’Assemblea straordinaria degli Azionisti relativa alla Conversione obbligatoria delle azioni risparmio.
    All’Assemblea speciale hanno partecipato azionisti portatori di azioni risparmio rappresentanti il 63,98% del capitale sociale della categoria. Gli azionisti di risparmio che hanno votato a favore della proposta di conversione rappresentano l’80,62% del capitale sociale presente in assemblea, mentre quelli che hanno votato in senso contrario o si sono astenuti rappresentano il 19,38% del capitale sociale presente in assemblea.
    Poiché la delibera che ha approvato la Conversione comporta una modifica dello Statuto sociale riguardante i diritti di voto e di partecipazione delle azioni risparmio, gli azionisti di risparmio che non hanno concorso all’approvazione della delibera dell’Assemblea Speciale sono legittimati a esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2437, comma 1, lett. g), del codice civile secondo le modalità ed i termini vigenti.
    La data di efficacia della Conversione sarà concordata con Borsa Italiana e le azioni di risparmio saranno revocate dalle quotazioni sul Mercato Telematico Azionario, organizzato e gestito da Borsa Italiana, e le azioni ordinarie rivenienti dalla Conversione saranno ammesse alle negoziazioni.

IT0005340655 – 11/11/2020-30/11/2020 – RENERGETICA:
il 5 novembre 2020 la Società ha comunicato che, in riferimento all’aumento gratuito di capitale deliberato il 30.10.2020 dall’Assemblea straordinaria ai sensi dell’art. 2442 del Codice Civile e, essendo stata iscritta presso il Registro delle Imprese di Genova, la relativa delibera, rende noto che le azioni ordinarie di nuova emissione sono state messe a disposizione gratuitamente, tramite gli intermediari aderenti a Monte Titoli, a tutti gli azionisti, nel rapporto di n.1 nuova azione ogni n. 10 azioni possedute (Rapporto di Assegnazione), a decorrere dal 18 novembre 2020, con stacco della cedola n. 1 il 16 novembre 2020 (ex-date).
Per effetto dell’applicazione del suddetto Rapporto di Assegnazione, sono state assegnate gratuitamente a tutti gli azionisti n. 735.098 azioni ordinarie di nuova emissione, aventi godimento regolare e pari caratteristiche alle omologhe azioni in circolazione, per un controvalore complessivo pari a euro 100.529,73.
L’operazione non ha previsto l’erogazione di un controvalore in denaro in alternativa all’assegnazione delle azioni. Per effetto dell’operazione, il capitale sociale complessivo della Società è risultato composto da n. 8.086.098 azioni ordinarie, per un controvalore complessivo pari a euro 1.105.829,73.
Disposizioni di Borsa Italiana
Aumento gratuito del capitale sociale mediante assegnazione di nuove azioni ordinarie.
Dal giorno 16 novembre 2020 le azioni Renergetica (IT0005340655) sono negoziate “Ex Assegnazione”.
Caratteristiche dell’assegnazione gratuita
Data di efficacia: 16/11/2020 – Rapporto di assegnazione n. 1 nuova azione per ogni n. 10 azioni possedute – Cedola rappresentativa del diritto di assegnazione: n. 1 – Cedole annesse alle azioni assegnate: n. 2 e seguenti – Nuovo numero di azioni: 8.086.098 – Nuovo capitale sociale: euro 1.105.829,73 – Lotto minimo di negoziazione: 550.

IT0004585243 – 23/11/2020-10/12/2020 – TESMEC:
il 19 novembre 2020 la Società ha comunicato l’Offerta in opzione di massime n. 499.376.200 azioni ordinarie di Tesmec S.p.A. codice ISIN IT0004585243.
Le Azioni sono offerte in opzione agli azionisti di Tesmec S.p.A. e possono essere sottoscritte presso gli intermediari aderenti al sistema di gestione accentrata di Monte Titoli S.p.A.
L’Offerta è promossa nella forma di offerta al pubblico esclusivamente in Italia e sulla base del prospetto relativo all’offerta e all’ammissione alle negoziazioni delle Azioni sul Mercato Telematico Azionario, Segmento STAR, organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (MTA).
L’Offerta è costituita da massime n. 499.376.200 Azioni, prive di valore nominale, per un controvalore complessivo massimo di euro 34.956.334.
Le Azioni sono offerte in sottoscrizione ad un prezzo di euro 0,07 ciascuna, da imputarsi quanto a euro 0,01 a capitale sociale e quanto a euro 0,06 a sovrapprezzo.
Le Azioni sono offerte in opzione ai titolari di azioni ordinarie della Società, sulla base del rapporto di opzione di n. 200 Azioni ogni n. 41 azioni ordinarie possedute.
Le Azioni avranno godimento regolare e saranno pertanto fungibili con le azioni ordinarie Tesmec negoziate sul MTA.
Conseguentemente le Azioni saranno munite della cedola n. 8 e il codice ISIN attribuito alle stesse sarà IT0004585243.
Ai diritti di opzione per la sottoscrizione delle Azioni è stato attribuito il codice ISIN IT0005423022 e sono rappresentati dalla cedola n. 7 (Diritti di Opzione).
Il periodo di validità dell’Offerta ha avuto inizio il 23 novembre 2020 e avrà termine il 10 dicembre 2020 (Periodo di Opzione). I Diritti di Opzione sono negoziabili sull’MTA dal 23 novembre 2020 al 4 dicembre 2020.
I Diritti di Opzione non esercitati entro il 10 dicembre 2020 saranno offerti dalla Società sul MTA, entro il mese successivo alla fine del Periodo di Opzione, per almeno due giorni di mercato aperto, salvo che non siano già integralmente venduti, ai sensi dell’articolo 2441, comma 3, del Codice Civile (Offerta in Borsa).
Le Azioni saranno negoziate, in via automatica, secondo quanto previsto dall’articolo 2.4.1 del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A., presso il medesimo mercato in cui sono negoziate le azioni ordinarie della Società (MTA, Segmento STAR).
Aumento a pagamento del capitale sociale mediante offerta in opzione agli aventi diritto di azioni ordinarie.
Disposizioni di Borsa Italiana
Caratteristiche dell’Offerta in Opzione – Periodo di esercizio del diritto di opzione: dal 23/11/2020 al 10/12/2020 – Numero di strumenti oggetto dell’offerta: massime n. 499.376.200 azioni ordinarie prive del valore nominale – Rapporto di sottoscrizione: n. 200 nuove azioni ordinarie ogni n. 41 azioni ordinarie possedute (ogni n. 41 diritti di
opzione posseduti) – Prezzo di sottoscrizione: euro 0,07 per azione – Godimento delle nuove azioni: godimento regolare.
Tipo di strumento: Diritti di opzione – Descrizione/Denominazione: TESMEC AXA – Mercato MTA – STAR – Inizio periodo di negoziazione diritto: 23/11/2020 – Fine periodo di negoziazione diritto: 04/12/2020 – ISIN: IT0005423022 – Sigla alfabetica: TESAXA – Valuta di negoziazione: EUR – Cedola rappresentativa del diritto: n. 7 – Lotto minimo di negoziazione: 1.

IT0001078911 – INTERPUMP GROUP: la Società ha comunicato che l`1 novembre 2020 si è concluso l’iter relativo all’efficacia della fusione per incorporazione della società Mariotti & Pecini S.r.l., società detenuta la 100%, in Interpump Group S.p.A..

IT0004210289 – LANDI RENZO:
il 19 novembre 2020 la Società ha comunicato che Landi Renzo S.p.A. e Lovato Gas S.p.A.unipersonale hanno stipulato latto pubblico di fusione relativo alla fusione per incorporazione di Lovato Gas S.p.A. unipersonale (interamente posseduta da Landi Renzo S.p.A.) in Landi Renzo S.p.A. (Fusione). Ai sensi dellarticolo 2504-bis, secondo comma, cod. civ., la Fusione ha effetto civilistico (verso i terzi) dal 1° dicembre 2020.

NL0010877643 – FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES:
il 18 novembre 2020 Fiat Chrysler Automobiles N.V. (FCA) e Peugeot S.A. hanno comunicato la convocazione delle rispettive assemblee degli azionisti per lunedì 4 gennaio 2021 al fine di approvare la fusione delle due società volta alla creazione di Stellantis che diventerà il quarto costruttore automobilistico al mondo in termini di volumi.

IT0005341059 – GIBUS:
il 18 novembre 2020 la Società ha comunicato che il CdA ha deliberato di proporre all’Assemblea Ordinaria degli Azionisti la distribuzione di un dividendo lordo pari a euro 0,27 per ciascuna azione ordinaria della Società in circolazione e per un ammontare complessivo di circa 1,351 milioni di euro, a valere sulla riserva straordinaria formata anche con gli utili 2019.
La proposta di distribuzione tiene conto della valutazione effettuata da parte del CdA in merito alla situazione patrimoniale ed economico-finanziaria della Società e del Gruppo, anche alla luce del buon andamento e dei positivi risultati conseguiti nell’esercizio in corso.
Lo stacco cedola n. 1 sarà il 14 dicembre 2020 (record date il 15 dicembre 2020) e il dividendo sarà messo in pagamento a partire dal 16 dicembre 2020. Il dividend yield risulta pari al 6,2% rispetto all’ultimo prezzo di chiusura.
Il CdA ha deliberato di convocare l’Assemblea Ordinaria per il 9 dicembre 2020, in unica convocazione, ricorrendo all’istituto del rappresentante designato, per deliberare in ordine alla proposta di distribuzione del dividendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *