Se avessi investito parte delle “paghette” ricevute a Natale, quanto avresti accumulato oggi?

Natale si è appena concluso e, anche se quest’anno è stato vissuto un po’ sottotono, siamo certi non saranno mancate le consuete “paghette” di nonni e zii che, non sapendo cosa regalare, hanno preferito optare per un piccolo contributo in denaro. Complici la noia post festeggiamenti e l’inizio dei saldi invernali è probabile che ci sia la tentazione di togliersi qualche sfizio e che, nel giro di qualche settimana, di questi soldi rimanga solo il ricordo insieme agli acquisti fatti impulsivamente.

Chi non si è sentito dire dai propri genitori, almeno una volta nella vita, “Risparmia questi soldi per qualcosa di più importante o per il futuro?”. GIMME5la soluzione digitale per la gestione del denaro che permette di accantonare piccole somme attraverso smartphone e investirle in un fondo comune di investimento, svela il giusto compromesso tra spendere e risparmiare tutto questo denaro, mostrando quanto avremmo oggi se ne avessimo risparmiata e investita anche solo una parte.

La simulazione

Ipotizziamo che a partire dai nostri 18 anni (Gimme5 è disponibile solo per utenti maggiorenni) siano stati messi da parte attraverso il salvadanaio digitale 150€ ogni Natale e che anche quest’anno accada lo stesso. Se avessimo iniziato nel 2013, ad oggi avremmo accumulato 1.200 euro, una somma alquanto allettante che sicuramente potrebbe fare comodo per i nostri progetti futuri.

Prendiamo ora in considerazione l’ipotesi in cui non ci fossimo limitati a risparmiare le nostre paghette, ma avessimo deciso di mettere questi soldi in movimento, investendoli anno dopo anno: una sorta di Piano di Accumulo, su cui versare 150€ una volta all’anno. Questo investimento avrebbe generato degli interessi che sarebbero andati a sommarsi al denaro versato e che, grazie alla forza dell’interesse composto, avrebbero fatto crescere questa somma ancora più velocemente, Natale dopo Natale.

Dal grafico si può intuire che in questo caso ci troveremmo in tasca una somma maggiore, ben 1.760€ (1.610€ dall’investimento più 150€ dalla paghetta del 2020). Pertanto, investendo 150€ dalle paghette di tutti i Natali passati, dal 25 dicembre 2013 al 25 dicembre 2020, avremmo guadagnato 560€. In altre parole, questo investimento ci avrebbe fruttato il 47% del capitale investito.

Come dimostra questo semplice esempio, non limitarsi a risparmiare ma investire i propri risparmi può risultare una scelta strategica per raggiungere nel tempo degli obiettivi anche ambiziosi e crearsi così un gruzzoletto molto utile. Il segreto è iniziare a risparmiare e investire fin da subito, con regolarità e costanza.

A Natale, regalare o ricevere una paghetta, può essere lo spunto per iniziare a mettere in pratica questa buona regola, un’occasione di crescita personale e di educazione al risparmio molto efficiente. Con l’app Gimme5 ti basta aver compiuto 18 anni, per iniziare a risparmiare e investire piccole somme (a partire da 5€) direttamente dal tuo smartphone, accedendo ad un’ampia gamma di prodotti gestiti da professionisti del risparmio. Inoltre, con il salvadanaio digitale, al raggiungimento dei tuoi obiettivi di risparmio, può contribuire chiunque ti sia vicino. Grazie alla funzione “Sostenitore”, basta condividere il tuo obiettivo con amici e parenti per ricevere direttamente sull’app l’importo con il quale vogliono sostenerti. Un ottimo modo per sostituire la classica “busta” di Natale con un regalo 2.0 (da fare o da ricevere).