BPER: conclusa l’operazione di cessione del portafoglio di sofferenze, “SUMMER”, per un valore lordo contabile pari a € 270,8 milioni

BPER Banca comunica di avere concluso l’operazione di cartolarizzazione di un portafoglio di sofferenze denominata “SUMMER”, in linea con quanto previsto nell’ambito della più ampia azione di de-risking e miglioramento dell’asset quality. Nel dettaglio, BPER Banca e la sua controllata Banco di Sardegna (“Banche Cedenti”) hanno ceduto un portafoglio di sofferenze per un valore lordo contabile pari a € 270,8 milioni alla data di riferimento del 31 luglio 2020 (a fronte di un valore lordo esigibile, sempre a tale data, di € 322 milioni, composto da crediti secured per il 49% e da crediti unsecured per il 51%) al veicolo di cartolarizzazione “SUMMER SPV Srl” costituito ai sensi della Legge 130/99. Il prezzo di cessione del portafoglio è avvenuto a valori leggermente inferiori a quelli iscritti nelle contabilità delle Banche Cedenti, con un impatto marginale a conto economico. A fronte dell’acquisto, la società veicolo ha proceduto all’emissione di tre differenti classi di titoli per un ammontare complessivo pari a € 96,4 milioni:
• una tranche senior pari a € 85,4 milioni corrispondente al 31,5% del valore lordo contabile, alla quale sono stati attribuiti i rating investment grade Baa2 da Moody’s e BBB da Scope Ratings;
• una tranche mezzanine pari a € 10 milioni;
• una tranche junior pari a € 1 milione.
I titoli senior hanno cedola pari a Euribor 6M + 50 bps e sono stati sottoscritti e trattenuti dalle Banche Cedenti. Per gli stessi, nei prossimi giorni, verrà attivato il processo per la richiesta della garanzia statale GACS. Il 95% delle tranches mezzanine e junior è stato collocato presso un investitore istituzionale, mentre il restante 5% viene mantenuto in portafoglio da BPER Banca, con contestuale conseguimento della derecognition del portafoglio oggetto di cessione. Nell’ambito dell’operazione “SUMMER”, JP Morgan ha svolto il ruolo di Arranger, mentre Fire S.p.A. è stata nominata Special Servicer e Banca Finint ha assunto l’incarico di Master Servicer. La consulenza legale è stata affidata agli studi legali Orrick, Herrington & Sutcliffe per l’Arranger e Cappelli RCCD per gli Originators. All’operazione ha collaborato anche BNP Paribas Securities Services.