• sabato, 2 Luglio 2022

Procurement moderno: solo 2 aziende su 10 sono preparate

Carenza di materie prime, semilavorati e merci, catene di fornitura interrotte o sotto forte stress, aumento dei costi delle risorse e dei prodotti, guerre, cybercrime, pandemie e scenari socio-politici parecchio incerti questi in breve i preoccupanti ‘buchi neri’ che costellano il percorso delle aziende e di conseguenze delle economie dei paesi a livello globale.

“E tutti questi eventi ricadono, purtroppo – commenta Fabio Zonta, Chief Procurement Officer di Engineering, la più grande azienda tech italiana, nonché tra i più riconosciuti esperti italiani nel settore degli acquisti – innanzitutto sul procurement manager, ovvero il direttore degli acquisti, alla stregua di un portiere di una squadra di calcio a difesa della sua rete bombardato da pallonate da tutti i lati del campo”.

 “L’emergenza rende urgenti tre accorgimenti – spiega l’esperto di procurement aziendale – ovvero transizione digitale verso una tecnologia che adotti anche nella gestione degli acquisti big-data e intelligenza artificiale, piani di risk management, eppoi il riposizionamento del procurement in cima alla piramide organizzativa aziendale”.

Una recente ricerca internazionale SAP/Ariba (2022) racconta però che solo il 38% delle aziende dispone di strumenti di lettura dei big-data, solo il 17% delle funzioni di approvvigionamento dispone di implementazioni di analisi dei dati su larga scala.

Ancora la ricerca fotografa come solo il 45% delle aziende prende decisioni di spesa basate sui dati con la tecnologia e appena il 51% sta attualmente utilizzando tecnologie di machine learning o analisi basate sull’AI per analizzare i dati. Il tutto in una situazione in cui il 50% dei manager interpellati dichiara di non essere in grado di trovare rapidamente fonti di approvvigionamento alternative.

“Una fotografia che in Italia è ancor più a tinte grigie – spiega il CPO di Engineering Fabio Zonta – in un contesto in cui la modernizzazione deve fronteggiare una cultura tipica da piccola e media impresa, ma soprattutto fare i conti con un livello di formazione e competenza del management in materia di forniture non aggiornata e non colmabile in tempi brevi – riflette l’esperto. –  Anche perché oggi per un moderno procurement sono indispensabili capacità predittive e di calcolo che vanno oltre le possibilità umane, ed in tal senso la via percorribile è quella di una trasformazione digitale che si realizzi perlomeno in maniera che la tecnologia non sia già sorpassata al momento della sua effettiva applicazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *