• martedì, 4 Ottobre 2022

La Fed rialza i tassi per la quinta volta: +0,75%

DiRedazione

22 Settembre 2022 , ,
Fed

L’incontro di Jackson Hole è stato un preludio a ciò che la Fed si appresta a fare oggi. In realtà, la Fed ha cercato di creare un po’ più di spazio di manovra per i mercati di agosto e concedere solo circa 100 punti base di ulteriore inasprimento. Era chiaro che l’inflazione di fondo fosse ancora elevata e abbastanza incerta per la fine dell’anno e che la Fed volesse avere questo spazio di manovra. E ora i mercati hanno rivalutato il tasso finale del ciclo di rialzo a circa il 4,5%.

Abbiamo tassi reali più alti, il dollaro è più forte e gli spread creditizi sono più ampi. Le condizioni finanziarie si stanno quindi restringendo, in linea con quanto auspicato dalla Fed. Ritengo, inoltre, che la Fed abbia lavorato per dissipare l’idea di essere sull’orlo di una svolta, di aver messo in cantiere una stretta sufficiente e che le condizioni finanziarie faranno ora il lavoro per loro e porteranno l’inflazione su base sostenibile al 2%. Siamo ancora lontani da questo risultato e per questo la Fed ha dovuto essere piuttosto esplicita nel battere i prezzi di mercato.

Sarà sempre più difficile indicare con certezza la direzione di marcia dell’economia e dell’inflazione fino alla fine di quest’anno e del prossimo. Credo che sempre più spesso la Fed sarà costretta a fare un passo indietro e a riconoscere che la storia della crescita sottostante è ancora troppo forte. Anche la storia dell’inflazione sottostante è troppo forte e per certi versi troppo ampia. Per essere fiduciosa di aver fatto abbastanza la Fed sta esprimendo questo ritmo accelerato di inasprimento. E come aggiunta a ciò, ha proposto di rimanere a livelli elevati di tassi più a lungo, in modo da anticipare il ciclo di rialzo, una volta che avremo superato il tasso terminale, continuando a spremere l’economia.

Ci sono alcuni primi segnali di decelerazione della crescita salariale. Inoltre, ritengo che i prezzi dell’energia siano stati importanti. In parte le aspettative di inflazione sono scese. Rimangono elevate, ma non sono più in aumento. Quindi la Fed può dire di guardare al medio termine. Probabilmente avremo un altro paio di dati da qui alla fine dell’anno che ci permetteranno di accelerare, se necessario. Ma attualmente riteniamo che 75 punti base sia il ritmo di aumento da preferire.

Se si guarda ai prezzi di mercato oggi, si prevede che la Federal Reserve arrivi a circa il 4,5 per cento. Si tratta quindi di altri 200 punti base di sforzo da mettere in cantiere. È quasi la totalità dell’ultimo ciclo di rialzo. Quindi è chiaro che questo avrà un impatto. La domanda è: è sufficiente a far scendere l’inflazione al 2% o almeno a metterla su una traiettoria in discesa? Questa è la chiave.

A mio avviso ci sono due condizioni preliminari, per certi versi fuori dal controllo della Fed. La prima è che molto probabilmente il mercato del lavoro si indebolirà. Se si guardano le proiezioni della Fed, fatte a giugno, si prevedeva un aumento molto contenuto del tasso di disoccupazione, fino a circa il 4,1% nel 2024. Questo scenario mi sembra piuttosto improbabile. È molto più verosimile che il tasso di disoccupazione debba salire, diciamo al 5,5%, per esercitare una pressione al ribasso sui salari e quindi sull’inflazione. L’altra componente è rappresentata dalle condizioni finanziarie. È probabile che le condizioni finanziarie debbano essere ulteriormente inasprite per avere successo.

Edward Al-Hussainy, senior currency and rate strategist di Columbia Threadneedle Investments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *