venerdì, 19 Aprile 2024

Hai notato che si spende di più in tasse di soggiorno?

Nel 2024 visitare alcune destinazioni europee costa di più. Questo è dovuto all’overtourism e sono diverse le città che dovranno farne i conti. Vediamone alcune in cui aumenteranno le tasse di soggiorno.

Le tasse di soggiorno in Europa e non solo

  1. Parigi – La tassa di soggiorno aumenta ben del 200%: per una camera doppia in hotel di categoria superiore i visitatori devono aspettarsi una tariffa a notte superiore agli 11 euro. (Ma non basta. Anche il Louvre ha annunciato un innalzamento del prezzo d’ingresso: il biglietto base aumenterà del 29%, passando dai 17 ai 22 euro).
  2. Amsterdam – Anche la capitale dei Paesi Bassi ha scelto di aumentare. La tassa sale dal 7 al 12,5%. I crocieristi pagano invece 11 euro a persona, 3 euro in più rispetto alla tariffa precedente.
  3. Venezia – Dal prossimo 24 aprile e durante i weekend estivi l’accesso alla città patrimonio Unesco sarà consentito solo pagando un ticket d’ingresso di 5 euro e prenotandosi da un’apposita piattaforma online. 
  4. Londra – Oltre a possedere l’Electronic Travel Authorisation (Eta), i visitatori europei devono pagare una tassa di 7 sterline. 
  5. Barcellona – Aumenti in vista anche per Barcellona. Dal prossimo aprile la tassa di soggiorno salirà da 2,75 a 3,25 euro.

La causa dell’aumento

Si parla di overtourism quando si supera la semplice capacità fisica o ecologica di accoglienza di una località, ma anche quando il turismo di massa rende invivibili, a livello economico e sociale, alcune aree. Una delle cause principali dell’overtourism è la proliferazione di piattaforme per gli affitti brevi come Airbnb. Ma è causato anche dall’esplosione dei viaggi a basso costo, così come da quello dei social, con cui non solo si può prenotare e organizzare l’intero viaggio, ma anche far conoscere l’esistenza di zone remote e bellissime.

©

📸 Credits: Canva.com

21 Febbraio 2024

Studentessa di Scienze della Comunicazione con una grande passione: il giornalismo. Determinata, ambiziosa, curiosa e precisa. Per Il Bollettino mi occupo di lifestyle in tutte le sue forme cercando di fornire una nuova prospettiva alla realtà che ci circonda.