• mercoledì, 5 Ottobre 2022

Musei. Bizzarri, Presidente Palazzo Ducale di Genova: «Chiudere il bilancio in pareggio è stato come vincere un campionato del mondo»

Riaprire teatri e musei? Come ogni industria forse sarebbe meglio tenerli chiusi e aspettare di essere in sicurezza. Nel frattempo «la priorità è ristorare chi è rimasto senza lavoro» dice Luca Bizzarri conduttore tv e presidente del Palazzo Ducale  di  Genova. Quella annunciata dall’ultimo DPCM sembra più che altro una data simbolica: la macchina organizzativa dello spettacolo, per ripartire, ha bisogno di tempi più lunghi e un’organizzazione che corrisponda alle nuove esigenze del comparto. «Molte strutture non credo siano in grado di riaprire. Occorre ragionare con calma e soprattutto rimborsare le classi di lavoratori che in questo anno sono rimasti a casa. Solo poi si potrà pensare alle riaperture. Secondo me non c’è fretta, anche perché avviare una programmazione a fine marzo non avrebbe senso: non è che così si lavorerà».

Il suo discorso vale anche per i cinema?

«Credo che potrebbero tentare i teatri stabili, ma non quelli privati e piccoli. Idem per i cinema: chi vorrà uscire nelle sale a capienza ridotta con un film che è costato milioni di euro? Non c’è una soluzione facile ad un problema difficile. Secondo me ci vorrebbero meno slogan e più fatti».

Tra i suoi colleghi lei è stato fortunato, ha potuto continuare a lavorare…

«Sono stato enormemente fortunato, anche se devo riconoscere che condurre un programma di intrattenimento, comico, e non avere il pubblico è stato straziante. Ma anche a quello ci si abitua, quindi le lamentele stanno a zero. Tanti i colleghi che invece non hanno potuto lavorare e non mi riferisco ai volti famosi ma a tutti quelli che molto spesso non appaiono e che sono fondamentali per la messa in scena di uno spettacolo. Forse teatri, cinema, musei, avrebbero potuto soffrire di meno nell’arco di quest’anno e proseguire nel loro lavoro rispettando i protocolli. Si sarebbe potuto fare un po’ meglio di quanto si è fatto».

Palazzo Ducale di cui è Presidente è riuscito a non subire lo stop della pandemia?

«Grazie anche all’impegno del direttore, Serena Bertolucci, siamo riusciti, con grande sacrificio, a chiudere un bilancio in pareggio che, di questi tempi, è come vincere un campionato del mondo. Ma quello che ci ha danneggiato non è la chiusura in sé, quanto il non sapere, non poter programmare, questo clima di incertezza. Palazzo Ducale ha riaperto lunedì scorso ma non vedo un futuro roseo: anche per i musei aprire e chiudere è una cosa difficile da gestire».

Il mondo dell’arte è stato preso poco e male in considerazione?

«Lo era anche prima. La pandemia ha evidenziato delle lacune nella politica e nella società che c’erano già. Il mondo dell’arte e della cultura pur essendo una delle industrie trainanti del Paese è sempre stato visto come un surplus del quale poter fare a meno. E poi si è andato incontro a contraddizioni. Negli anni ci sono state realtà sovra ed altre sotto sovvenzionate con un enorme spreco del denaro pubblico. Non si è speso poco, ma male. Questo disagio mi auguro apra gli occhi sul fatto che la cultura sia una conditio sine qua non per la condizione civile».

Ha aderito a tante iniziative messe in campo dai lavoratori dello spettacolo…

«L’unica nota positiva di questo periodo è stata la nascita di realtà come Scena Unita, l’Unione nazionale interpreti teatro e audiovisivo, che ha spazzato via l’individualismo: è importante sottolineare come per la prima volta attori e lavoratori dello spettacolo si siano messi insieme, abbiano creato un’associazione che li rappresenti tutti, per parlare con la stessa voce ai rappresentanti del governo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *