Abbonati a ilBollettino
  • giovedì, 8 Dicembre 2022

Football batte soccer, il successo dello sbarco della NFL in Europa

DiMatteo Runchi

18 Novembre 2022
football

Il football americano sbanca l’Allianz Arena di Monaco di Baviera. Uno sbarco sul continente glorioso, accompagnato dall’affetto di milioni di fan. La NFL mette piede nel Vecchio Continente e riesce dove il calcio ha fallito: colonizzare l’altro lato dell’Atlantico. Come è riuscita questa impresa? E perché il calcio non è mai attecchito negli USA?

Come la NFL ha colonizzato la Germania

Il secondo sport più seguito in Germania è il Football Americano. Più di tre milioni di persone si dicono fan appassionati della NFL, numeri paragonabili a quelli dell’Inghilterra, da sempre più esposta per ragioni linguistiche agli sport statunitensi. Dove i tedeschi superano gli inglesi è però nella quantità di tifosi occasionali, 19 milioni di persone.

Come è avvenuta questa colonizzazione? Il successo del football americano in Germania potrebbe nascere dalla presenza piuttosto massiccia di militari americani sul suolo tedesco. Ben 30.000 soldati sono tutt’ora stanziati nelle basi del Paese. Da questo piccolo gruppetto, lo sport ha iniziato a diffondersi, ma di recente è esploso passando dai canali televisivi dedicati a quelli mainstream. L’apice di questo successo è arrivato il 13 novembre 2022, con la sfida tra Tampa Bay Buccaneers e Seattle Seahawks a Monaco di Baviera. 

Allianz Arena gremita, 75.000 fan, e oltre tre milioni di richieste per i biglietti dell’evento. La NFL punta a raggiungere 25 miliardi di fatturato annuo entro il 2027, e l’espansione all’estero è parte integrante di questo piano. Brett Gosper, che si occupa proprio di esportare il football americano in Europa e nel Regno Unito, ha indicato anche Spagna e Francia come possibili mercati da sfruttare, pur rimanendo consapevole che il dominio del calcio sarà quasi impossibile da scalfire.

Il successo del football, il fallimento del soccer

Il calcio europeo vale però ancora più della NFL. I ricavi totali del business dello sport più amato del Vecchio Continente ammonta a 27,6 miliardi di dollari, contro i 17,2 del football americano. Quando parliamo di calcio europeo però, intendiamo diversi campionati, uniti in una federazione che organizza competizioni internazionali. Di contro la NFL è un singolo campionato nazionale. In Europa vivono poi più del doppio delle persone che negli Stati Uniti. Al netto di questi dati, paragonare i due giri d’affari non sembra poi così azzardato.

A differenza del football, che sta colonizzando con un certo successo l’Europa, in America il soccer non è mai riuscito a prendere piede. Rimane uno sport relativamente poco seguito, ai livelli del golf o del tennis e sotto non solo ai “grandi quattro” (Basket, Hockey, Baseball e appunto Football), ma addirittura meno seguito del campionato universitario di pallacanestro. 

Il calcio non ha attecchito come ci si aspettava, e forse potrebbe imparare qualcosa da come la NFL si sta esportando in Europa. Invece di puntare sulle squadre locali, magari creando una tradizione di campioni a fine carriera che vanno a giocare in Europa, il football ha portato direttamente le grandi partite della regular season nel Vecchio Continente. Un modello che il calcio non ha mai seguito, ma che sembra essere il futuro dell’espansione all’estero degli sport.

Photo by WikiImages via Pixabay

Matteo Runchi

Attento alle tendenze e profondo conoscitore della stampa estera, è laureato in Storia del giornalismo all’Università degli Studi di Milano. Dinamico, appassionato e osservatore acuto, per il Bollettino si occupa principalmente del mondo dello sport legato a quello finanziario e del settore dei videogiochi, oltre che delle novità del comparto tecnologico e di quello dell’energia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *