Abbonati
venerdì, 22 Settembre 2023

Cara acqua, scopri dove la bolletta costa di più

acqua

La siccità è ormai sistemica, ma sprechiamo quasi la metà dell'acqua. La rete e le altre nazionali sono un colabrodo e il tempo per utilizzare i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza stringe. Intanto, le bollette idriche sono sempre più alte.

Acqua, dove costa di più? La top ten

Nel 2022 una famiglia di 3 persone che ha consumato 192 metri cubi di acqua ha pagato, in media, una bolletta idrica di 487 euro, il 5,5% in più rispetto al 2021.

Frosinone guadagna il podio di città dove l'acqua costa di più, con una bolletta di 883 euro. Il secondo posto è di Grosseto, dove la spesa media è stata pari a 854 euro. Al terzo posto troviamo invece Siena, dove le famiglie hanno pagato in media 837 euro. Arezzo si aggiudica il quarto posto della classifica, con una bolletta idrica di 834 euro, seguita da Pisa (833€). Sullo stesso gradino ci sono Livorno (780€), Firenze, Pistoia e Prato. Subito dopo troviamo Enna (754€), Massa (749€), Caltanissetta (722€), Pesaro e Urbino (697€).

Gli aumenti colpiscono quasi tutti capoluoghi. L'unica città a salvarsi è Forlì-Cesena. Qui gli abitanti nel 2022 hanno pagato bollette più basse dello 0,6% rispetto al 2021. Il podio spetta a Bolzano (+26,3%),
seguita da Savona (25,5%) e Trento (21%).

Acqua, perché crescono le bollette?

Le ragioni principali dell'aumento delle bollette idriche sono due: caro energia e inflazione.

Sono diverse le voci che incidono sul prezzo finale: acquedotto, canone di fognatura, canone di depurazione, quota fissa, componenti di perequazione e Iva al 10%.

Quanta acqua sprechiamo?

Più del 40% della risorsa idrica immessa nelle tubature finisce per disperdersi nel tragitto e un acquedotto su due perde. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza mette in campo fondi per contrastare questa problematica.

PNRR, il tempo stringe

Entro settembre dovremo organizzare le gare di appalto, entro il 2026 dovranno iniziare i lavori.
Un contributo importante arriverà dalle risorse per adeguare i servizi di fognatura e depurazione. Due settori talmente antichi e inefficienti che dal 2018 al 2022 ci sono costati oltre 140 milioni di euro di sanzioni europee.

📩 news@ilbollettino.eu. Il mio motto è "Scribo ergo sum". Mi laureo in "Mediazione Linguistica e Interculturale" e "Editoria e Scrittura" presso La Sapienza, specializzandomi in giornalismo d’inchiesta, culturale e scientifico. Per il Bollettino mi occupo di energia e innovazione, i miei cavalli di battaglia, ma scrivo anche di libri, spazio, crypto, sport e food. Scrivo per Istituto per la competitività (I-Com), Istituto per la Cultura dell'Innovazione (ICINN) e Innovative Publishing. Collaboro con Energia Oltre, Nuova Energia, Staffetta Quotidiana, Policy Maker e Giano.news.

Rilevato Adblocker

Caro utente, abbiamo notato che stai utilizzando un adblocker. Ti chiediamo gentilmente di disattivarlo per supportare il nostro lavoro e permetterci di offrirti contenuti di qualità gratuitamente.

Refresh Page