sabato, 15 Giugno 2024

Perché la UEFA vuole giocare la finale di Champions League in USA?

Sommario
UEFA

L’idea del Presidente dell’UEFA Aleksander Ceferin punta a esportare oltreoceano il calcio europeo: una rivoluzione che prende ispirazione dal football americano.

Il calcio negli USA

In America il calcio è ancora uno sport secondario, seguito meno di basket, football, hockey e baseball.

È però in crescita e vanta una fanbase molto giovane, con l’11% degli americani tra i 18 e i 29 anni che si dicono tifosi appassionati.

Il potenziale è enorme e i mondiali in Nord America del 2026 potrebbero essere il volano definitivo.

Da qui la proposta della UEFA di portare la finale di Champions League di quell’anno, ancora da assegnare, negli USA.

Quanto vale una finale di Champions?

Scippare all’Europa la partita di calcio più attesa dell’anno è però un danno economico considerevole.

L’indotto di una finale di Champions League si aggira attorno ai 25 milioni di euro per la città che la ospita.

D’altra parte il ritorno pubblicitario per tutto lo sport, e in particolare per le due squadre che giocherebbero negli USA, sarebbe incalcolabile.

La NFL sbarca in Europa

L’idea di esportare all’estero alcune partite è già venuta alla NFL, il campionato di football americano.

Nel novembre scorso si è giocata una partita a Monaco di Baviera, per la quale sono state fatte 770.000 richieste di biglietti.

Il football vuole fare il grande salto, toccare i 25 miliardi di fatturato dagli attuali 12 entro il 2027 e per arrivarci ha capito di dover sbarcare su nuovi mercati.

Attento alle tendenze e profondo conoscitore della stampa estera, è laureato in Storia del giornalismo all’Università degli Studi di Milano. Dinamico, appassionato e osservatore acuto, per il Bollettino si occupa principalmente del mondo dello sport legato a quello finanziario e del settore dei videogiochi, oltre che delle novità del comparto tecnologico e di quello dell’energia.