venerdì, 14 Giugno 2024

Milan: chi c’è nel dopo Pioli?

Si chiude in pace l’esperienza di Stefano Pioli sulla panchina milanista. Nonostante avesse diritto a una stagione in più, il tecnico rossonero firma la risoluzione e si fa da parte, facendo tirare un sospiro di sollievo alla società.

È sul suo successore, però, che si accendono le tensioni. Sarebbe Paulo Fonseca, secondo le indiscrezioni, il prescelto cui la dirigenza avrebbe già fatto una ghiotta offerta per la stagione 2024/2025.

Nel frattempo, l’AC Milan Fan Token, la criptovaluta dei fan del club, cresce del 13% in 24 ore, ma continua a perdere il 23% su appena un mese e mezzo fa.

Una rappresentazione accurata dello stato d’animo dei tifosi, insoddisfatti per la passività della dirigenza. La Curva Sud ha avviato uno sciopero che interromperà solo per il matchday di domani contro la Salernitana. Ma sul futuro tecnico non si muove di un centimetro: «Vogliamo un progetto vincente» dice un comunicato.

L’ipotesi Antonio Conte, sognata negli ultimi mesi, sembrata essere del tutto scartata, nonostante l’insistenza del tifo. Un’esclusione forse dettata anche dall’esorbitante cachet del pugliese, che nell’ultima stagione in Premier League avrebbe preso ben 8,5 milioni di euro netti.

A dire il vero, però, non mancano le alternative che potrebbero fare al caso del Milan per un rilancio soprattutto internazionale.

Uno star coach in palio è la leggenda Xavi, la cui uscita dal Barcellona è stata ufficializzata proprio in queste ore. Il blaugrana, che vanta 4 Champions League da giocatore, potrebbe essere un nome blasonato per puntare all’Europa.

Guardando all’Italia, un altro potenziale candidato potrebbe essere Maurizio Sarri, fresco di addio dalla Lazio, dopo un’esperienza al Chelsea e una alla Juventus.

Spesso avvicinato ai rossoneri nelle ultime settimane è invece Sérgio Conceição, che dopo sette stagioni al Porto starebbe considerando l’addio.

Per leggere di più sul Milan, clicca qui.

©

📸 Credits: Canva

Studente, da sempre appassionato di temi finanziari, approdo a Il Bollettino all’inizio del 2021. Attualmente mi occupo di banche ed esteri, nonché di una rubrica video settimanale in cui tratto temi finanziari in formato "pop".