• venerdì, 30 Settembre 2022

Il riscatto della moda: al via la prima Milano Fashion Week phygital

DiRedazione

21 Settembre 2020 , ,

Saranno 52 gli eventi della prossima Milano Fashion Week, dal 22 al 28 di settembre, tra sfilate fisiche e digitali. Sarà un’edizione “phygital”, ovvero ibrida, e sarà un messaggio al mondo sia da parte della moda italiana sia di Milano, tra le città italiane che ha subito maggiormente l’impatto della pandemia e che ora alza la testa, con tutte le precauzioni del caso per svolgere una settimana della moda in completa sicurezza.

Sembra lontanissima l’ultima fashion week in presenza, che si tenne sette mesi fa, alla fine di febbraio 2020, con le sfilate delle collezioni fall/winter 2020/21. Subito dopo, il lockdown, che ha congelato per mesi la vita e l’economia del Paese.

A luglio, dal 14 al 17, invece, la Camera della Moda con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e di ICE Agenzia, ha lanciato un primo messaggio di speranza, con la prima edizione di Milano Digital Fashion Week con un calendario ufficiale di 35 brand presenti in streaming e due eventi fisici, le sfilate di Dolce&Gabbana e di Etro. L’evento ha generato direttamente 300.000 visualizzazioni e ha raggiunto complessivamente 15.100.000 play nel solo canale streaming. Secondo DMR Group, inoltre, la prima Milano digital fashion week, ha raggiunto sui social network come Facebook, Instagram, Twitter, YouTube e Weibo, 105.592.409 utenti e creato un engagement di 2.013.702, raggiungendo un Earned Media Value (Web e Social Media) di 6.244.315 di euro, ovvero il 58% del EMV totale delle Digital Fashion Week (€10.749. 970), anche grazie al coinvolgimento dei brand che hanno partecipato alla manifestazione.

Come l’edizione di luglio in cui si è assistito al ritorno nel Calendario di Dolce&Gabbana, a sostegno della moda italiana, anche settembre riserva un gradito ritorno. La Maison Valentino infatti lascia Parigi per Milano, dove presenterà eccezionalmente il 27 la collezione co-ed donna e uomo Spring/Summer 2021. Il direttore creativo Pierpaolo Piccioli dichiara che: «Parigi è la città che da sempre ha ospitato i nostri show e che rappresenta il DNA Valentino. La situazione attuale che stiamo vivendo ci ha forzato a prendere una decisione inusuale. Credo che, in questo periodo storico, sia di fondamentale importanza rimanere concentrati sul lavoro da compiere. È stimolante poter pensare a nuove idee, e questo è il tempo, in cui le idee possono crescere e diffondersi. Milano è una nuova opportunità, un grande progetto che sto sviluppando con i miei team, sul concetto di identity».

Milano Fashion Week parte quindi la sera di martedi 21 settembre con un evento in Rinascente Duomo organizzato da CNMI, mentre già dal giorno successivo sono in programma 10 sfilate, tra brand noti e nuovi talenti. Giorgio Armani, sabato 26 in prima serata trasmesso da La7, Fendi, Dolce&Gabbana, Etro, Sportmax e Max Mara, Prada, Marni, Versace, MSGM, Philosophy e Ferragamo in location, alcuni con collezioni donna e uomo, altri solo donna, mentre Missoni, Dsquared2, Genny, Ermanno Scervino, Marco De Vincenzo, Biagiotti, Versace (nella foto) e Philippe Plein sono tra i brand che hanno optato per eventi digital.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *