sabato, 2 Marzo 2024

Hyundai punta sui robotaxi, flop o opportunità?

Sommario
robotaxi

I robotaxi sono le vetture del futuro? Hyundai ha deciso di puntare fortemente sui sistemi di guida autonoma, al centro delle attività dell’Innovation Center di Singapore. L’impianto fortemente automatizzato ha il potenziale per accelerare l’utilizzo della robotica nella produzione delle automobili elettriche. Infatti, nel primo centro di questo tipo al mondo robot e operai lavorano fianco a fianco alla costruzione di robotaxi. Quale futuro attende la guida autonoma?

Robotaxi, un nuovo modello di business

L’impianto automatizzato è molto di più di una semplice fabbrica di automobili, è la pietra angolare della strategia futura di elettrificazione della casa sudcoreana. Lo stabilimento produrrà fino a 30.000 robotaxi Ioniq 5 e 6 all’anno, un numero considerevole. Ma la vera innovazione riguarda l’intero modello di business. Il tradizionale nastro trasportatore sparisce per lasciare il posto a 200 robot, che si concentrano sulle operazioni più ripetitive e pesanti, come l’assemblaggio e l’ispezione.

Una novità che aprirà la strada a maggiori investimenti da parte delle società Sudcoreane, come ha sottolineato il Primo Ministro di Singapore, Lee Hsien Loong, durante l’inaugurazione dello stabilimento.

La struttura ospiterà una fattoria intelligente dove i robot lavorano sulla produzione di verdure, che saranno utilizzate in un ristorante che aprirà l’anno prossimo. Una scelta in continuità con l’obiettivo del Governo di Singapore di arrivare a produrre, entro il 2030, il 30% del cibo locale consumato, mentre oggi il Paese dipende per il 90% dalle importazioni.

Il piano di Hyundai

Hyundai Motor Group Innovation Center di Singapore darà una spinta importante alla transizione elettrica della casa automobilistica. Infatti, i piani dell’azienda prevedono di produrre più di 3,6 milioni di vetture elettriche all’anno da qui al 2030.

Tuttavia, non è l’unico tassello della strategia sudcoreana. Infatti, attualmente il gruppo sta costruendo una fabbrica ancora più grande in Ulsan (Corea del Sud), da cui usciranno 200.000 EV all’anno. Inoltre, in Georgia sorgerà un altro stabilimento con una capacità annuale di 300.000 automobili elettriche.

Robotaxi, le incognite

Il recente naufragio del progetto di Cruise, compagnia di General Motors, suggerisce che oggi investire sui robotaxi è rischioso. Tuttavia, nei prossimi anni i ricavi dai sistemi di guida autonoma e assistita aumenteranno sempre più, secondo le stime di McKinsey. Nel 2025 il settore varrà dai 70 ai 100 miliardi di dollari a livello globale, quasi il doppio rispetto al 2022 (40-55 miliardi di dollari).

La crescita del settore non si arresterà negli anni successivi, arrivando a 150/225 miliardi di dollari di proventi nel 2030 e 300/400 miliardi di dollari nel 2035. ©

📸 Credits: Canva.com

📩 [email protected]. Il mio motto è "Scribo ergo sum". Mi laureo in "Mediazione Linguistica e Interculturale" e "Editoria e Scrittura" presso La Sapienza, specializzandomi in giornalismo d’inchiesta, culturale e scientifico. Per il Bollettino mi occupo di energia e innovazione, i miei cavalli di battaglia, ma scrivo anche di libri, spazio, crypto, sport e food. Scrivo per Istituto per la competitività (I-Com), Istituto per la Cultura dell'Innovazione (ICINN) e Innovative Publishing. Collaboro con Energia Oltre, Nuova Energia, Staffetta Quotidiana, Policy Maker e Giano.news.