venerdì, 14 Giugno 2024

Perché i capitali esteri puntano sul calcio italiano

Sommario
il-bollettino-como-parma-serie-a

Con la promozione in massima serie di Parma e Como, le proprietà straniere in Serie A salgono a nove (e diventerebbero dieci se a vincere i playoff fosse una tra Palermo, di proprietà del City Football Group, e Venezia, che appartiene a Duncan Niederauer). In larga parte, gli investimenti esteri nel campionato italiano arrivano dagli Stati Uniti. Che, con il sempre più probabile passaggio dell’Inter da Suning a OakTree, incrementeranno ancora la loro presenza.

Le opportunità di investimento

Per gli investitori stranieri e per i grandi fondi, il calcio del Bel Paese rappresenta un’opportunità ad alto potenziale: dalle strutture ai servizi digitali, fino alle possibilità commerciali, sono tanti gli aspetti su cui il pallone nostrano può ancora crescere. E che fanno gola agli uomini d’affari da ogni parte del mondo.

Krause e il Parma

Tra di essi vi è il patron del Parma. Che negli anni ducali non ha risparmiato gli investimenti. Nemmeno sul calciomercato: dal 2020 a oggi gli emiliani hanno speso ben 160 milioni per l’acquisto di calciatori. Il progetto più importante di Kyle Krause è però la riqualificazione dello stadio Ennio Tardini. Tra i suoi investimenti, che lo vedono coinvolto in diversi settori, c’è anche l’esportazione di vino piemontese.

I fratelli Hartono al Como

I fratelli Robert e Michael Hartono sono i più ricchi tra i proprietari dei club italiani. Eppure, dal loro arrivo a Como non hanno fatto investimenti folli. Sul calciomercato, i lariani hanno speso “appena” 11 milioni di euro dal 2019, pur ricorrendo a frequenti iniezioni di capitale per consolidare le finanze del club. L’impero finanziario di cui sono a capo è legato principalmente al tabacco. ©

📸Credits: Canva

Laureato in Storia, entro in contatto con il mondo del giornalismo ai tempi dell’università attraverso testate locali, per le quali mi sono occupato soprattutto di sport, mia grande passione, ma anche di politica, attualità e temi sociali. Dal 2021 sono un giornalista pubblicista. Per Il Bollettino scrivo di sport.