venerdì, 1 Marzo 2024

Più debito per tutti e più caro. Piazza Affari riscopre il lusso made in Italy

Sommario
recessione

Più debito per tutti. Il presidente Usa, Joe Biden, si è detto fiducioso su un accordo imminente per l’innalzamento del tetto al debito americano e pure il presidente della Camera, il repubblicano Kevin McCarthy, ha parlato di un possibile accordo entro il fine settimana. L’incremento del debito avrà tuttavia costi ben maggiori rispetto soltanto a un anno fa, contando poi che nei prossimi anni dovrà essere finanziata la transizione energetica, visto che i tassi d’interessi sono sui massimi da 15 anni. La presidente della Fed di Dallas, Lorie Logan, ha poi detto che gli ultimi dati non giustificano una pausa nel rialzo dei tassi d’interesse alla prossima riunione, in programma il 14 giugno, e De Guindos, vice Lagarde, ripete che c’è ancora strada da fare. Invece Jp Morgan stima un taglio da parte della Fed a settembre. Wall Street parte così a singhiozzo, riprendendosi dopo un’oretta di scambi trascinata dal Nasdaq e dai conti di Walmart. Milano rivede il top da due settimane per poi smorzarsi, terminando a +0,2%. Si elevano Saipem (+3,6%), avendo vinto due contratti offshore del valore complessivo di 850 milioni di dollari per lavori su progetti separati nel Mar Nero e nell’offshore del Regno Unito, e Stm (+3,6%) dopo il maxi-investimento di Micron in Giappone. Su anche la galassia Elkann e bene comunque il settore bancario, con BancoBpm e Bper che sfiorano il 2%. Giù le utilities (A2a -2,8%) per timore del rialzo tassi.

Nuova scommessa di Tamburi

Tamburi Investment Partners ha acquisito il 50,7% di Investindesign, società che detiene il 48,7% del capitale di Italian Design Brands (Idb), le cui azioni sono da questa mattina quotate sull’Euronext Milan. Idb è la capogruppo operativa di un polo italiano dell’arredamento e del design attivo nella produzione di articoli di alta gamma, con marchi quali Gervasoni, Meridiani, Davide Groppi, Flexalighting, AXOLight, Very Wood, Saba, Gamma Arredamenti, Dandy Home, Miton e Binova. Tip per l’acquisto del 50,7% di Investindesign ha investito 72 milioni di euro, attribuendo ad Idb un valore di 220 milioni. Valore che è già salito a 302.382.327 euro nel primo giorno di scambi in Borsa: +3,38% a 11,23 euro. Un’altra scommessa vincente di Gianni Tamburi, il re mida di Piazza Affari?

La riscossa di Lapo

Italia Independent, la società di occhialeria fondata da Lapo Elkann, la scorsa settimana aveva comunicato che il Tribunale di Ivrea ha omologato il piano di ristrutturazione dei debiti della società, dando quindi il via libera alla ristrutturazione. Il percorso di risanamento era partito a giugno 2022 grazie a quasi 13 milioni messi di tasca propria da Lapo. Ora il titolo ha preso il volo (oggi un altro +19,7%), passando da 0,298 del 10 maggio agli 0,88 euro di oggi, rivedendo i prezzi della tarda primavera di un anno fa. In meno di una settimana il titolo è salito del 195%.

Il timbro di Buffet sul Giappone

Sale ancora l’indice Nikkei, un altro +0,8%, rivedendo i livelli di 33 anni fa ben sopra i 30mila punti. Il Giappone, che ha rilasciato ieri un Pil superiore alle attese con i tassi ancora sottozero, è al centro dell’interesse mondiale. In primis turistico, soprattutto dopo l’eliminazione delle restrizioni Covid-19. In questi giorni poi ad Hiroshima è in corso il G7. Pare però che il timbro sulla rinascita del Sol Levante sia arrivata da Warren Buffett. All’inizio di quest’anno le azioni delle cinque principali società di trading nipponiche hanno registrato un aumento dei prezzi dopo che il presidente di Berkshire Hathaway ha aumentato le sue quote, lasciando intendere che potrebbe aumentare ulteriormente le sue partecipazioni. Jesper Koll di Monex Group non ha dubbi. Alla Cnbc ha dichiarato che il recente viaggio di Buffett in Giappone per incontrare le società commerciali è stato considerato un «timbro di approvazione» per gli investimenti in Giappone. ©

 

 

Classe 1977. Giornalista. Lavoro all’agenzia di stampa Green Economy Agency, dove seguo il mercato dell’energia e non solo. Ex vicedirettore di Libero. Da sempre appassionato di economia e finanza, su il Bollettino scrivo la rubrica “Buy Buy, cosa succede in Borsa”, dove racconto gli spunti della seduta appena conclusa e segnalo appuntamenti e possibili titoli da seguire per il giorno successivo.