Accendono un faro nel buio della pandemia i dati dello studio degli analisti di Morgan Stanley. Se il turismo è stato travolto dal Covid-19, portando il comparto a una crisi senza precedenti, nonostante le notizie sul fronte pandemico non diano grandi certezze il comparto sarà comunque in grado di riprendersi, al punto che anche le azioni quotate in Borsa ne potranno addirittura beneficiare. Stando al parere degli esperti i titoli che più hanno sottoperformato nel periodo che è andato dall’insorgere dell’emergenza epidemiologica – nel febbraio 2020 – alle fasi più dure dei lockdown nei mesi successivi, possono rappresentare nello scenario attuale occasioni di investimento interessanti. 

«Mentre quelli che hanno sovraperformato durante il periodo potrebbero essere gli illustri sconfitti», sottolineano dagli uffici della banca americana, che individua dieci titoli caldi, molti dei quali appartengono alla categoria dei viaggi aerei, del tempo libero e delle vacanze, oltre che del retail e del food. Tra i nomi spunta quello di Airbus, che nello scenario base viene visto con un potenziale di rialzo del 10%, con un rapporto prezzo-utili atteso nel 2021 pari a più 53,7.

Segue la holding Amadeus, proprietaria di Air France e Lufthansa; per il titolo gli analisti stimano un rialzo del 16%. Nell’elenco delle aziende selezionate compare poi Associated British Foods (potenziale di aumento del 17%, con un p/e di 29,9 volte), che precede il produttore britannico di alcolici Diageo (+22%) e la multinazionale di editoria ed eventi Informa (+20%).

Tra le top picks la banca d’investimenti individua poi la compagnia di componenti aerospaziali Meggitt (+3%), Ryanair (+1% a un p/e atteso di 116,4 volte) e Sodexo (+16%). In graduatoria infine figurano la banca NatWest (+21%) e il colosso petrolifero Royal Dutch Shell (+11%).