domenica, 16 Giugno 2024

Lazio, i biglietti per lo Stadio Olimpico sono i più cari tra le Big

Sommario
Lazio

I biglietti della SS Lazio sono i più cari tra le sei grandi della Serie A. Il calciomercato ha fatto risparmiare 40 milioni di euro alla società, ma i tifosi non possono esultare. Infatti, per ammirare dal vivo le partite della squadra biancoceleste dovranno spendere dai 15 ai 20 euro in più. L’aumento non risparmia neanche i biglietti della Champions League, che costano 10 euro in più per ogni settore rispetto ai prezzi per il Campionato.

Lazio, quanto sono aumentati i biglietti?

La Lazio ha conquistato l’accesso alla Champions League e ha chiuso l’ultima sessione di calciomercato in positivo. Un doppio successo che non influisce però sul costo dei biglietti.

Infatti, i tifosi biancocelesti che vogliono godersi lo spettacolo del calcio dai settori Curve o Distinti dello Stadio Olimpico dovranno pagare 40 euro, 15 in più rispetto alla scorsa stagione. Un aumento che non risparmia neanche la Tribuna Tevere, che oggi costa 60 euro, rivelandosi più cara di ben 20 euro rispetto al Campionato 2022-2023. Aumenti diffusi che rendono i biglietti della Lazio i più cari tra le Big e i secondi della Serie A. Un tifoso laziale che vuole seguire tutte le partite di Campionato della propria squadra all’Olimpico dovrà spendere almeno 760 euro, se i prezzi non scendono.

Caro biglietti, Lazio seconda in Serie A

Solo una squadra supera la Lazio nella classifica degli stadi più cari della Serie A: il Cagliari. I biglietti della partita con l’Udinese, la prossima in programma, costano almeno 50 euro. Un prezzo giustificato in parte dal fatto che la società cagliaritana è impegnata nel progetto per il nuovo stadio, che costerà complessivamente circa 130 milioni di euro. Risorse che arriveranno in parte dalla Regione Sardegna e dal Comune, ma il club dovrà sborsare 50 milioni di euro.

Subito dopo lo stadio sardo troviamo l’Olimpico nella classifica degli impianti più cari. Infatti, tifosi laziali dovranno spendere almeno 40 euro per guardare la propria squadra, da Curva Nord o Distinti.

Il confronto con le Big

I tifosi delle altre Big quest’anno spenderanno meno dei laziali per andare allo stadio. La prossima partita in casa del Milan con l’Hellas Verona costerà 29 euro in Curva.

Biglietti leggermente meno cari per gli juventini, che potranno guardare Juventus-Lecce allo stadio con 25 euro, senza promozioni.

Nella prima giornata, gli appassionati del Napoli hanno sborsato 25 euro per la sfida contro il Sassuolo allo Stadio Diego Armando Maradona .

I romanisti, invece, dovranno pagare almeno 24 euro per ammirare Roma-Monza dalla Curva dell’Olimpico.

Gli interisti quest’anno spenderanno meno di tutti tra i tifosi delle 6 Big della Serie A, se i prezzi non cambiano. Seguire Inter – Sassuolo, la prossima partita in calendario allo Stadio di San Siro, costerà 20 euro ai tifosi della squadra milanese.

Lazio, segnali contrastanti in Borsa

La Lazio chiude la giornata di Borsa del 15 settembre con segno positivo, facendo registrare un rialzo del 0.40%. Il minimo è sceso a 0.9900 euro, in calo rispetto al 13 settembre. Dati contrastanti che rendono il trend di breve incerto.

Al tempo stesso, l’indice FTSE Italia All Share è sceso del 0.85% sulla giornata di Borsa precedente, una performance peggiore rispetto al mercato. Anche i volumi sono risultati in calo rispetto alla seduta precedente, con 31.044 pezzi scambiati, ma superiori rispetto alla media settimanale. ©

📸 Credits: Canva

📩 [email protected]. Il mio motto è "Scribo ergo sum". Mi laureo in "Mediazione Linguistica e Interculturale" e "Editoria e Scrittura" presso La Sapienza, specializzandomi in giornalismo d’inchiesta, culturale e scientifico. Per il Bollettino mi occupo di energia e innovazione, i miei cavalli di battaglia, ma scrivo anche di libri, spazio, crypto, sport e food. Scrivo per Istituto per la competitività (I-Com), Istituto per la Cultura dell'Innovazione (ICINN) e Innovative Publishing. Collaboro con Energia Oltre, Nuova Energia, Staffetta Quotidiana, Policy Maker e Giano.news.