venerdì, 19 Aprile 2024

Bollette low-cost e maglie gratis, i fan del Genoa esultano

DiEdoardo Lisi

17 Febbraio 2024
Sommario
Genoa

Calcio ed energia scendono in campo uniti. Con gli aumenti dello scorso anno e la liberalizzazione del mercato, che ha messo fine ai prezzi fissati dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti a Ambenti (ARERA) tanti fornitori di luce e gas hanno studiato offerte per accaparrarsi clienti e far risparmiare sulle bollette. Un esempio arriva dal mondo del pallone. Il capofila è il Genoa, squadra del Capoluogo della Regione che l’anno scorso ha speso meno in Italia per luce e gas (fonte Facile.it). Infatti, mediamente ogni famiglia ligure ha pagato 1.370 euro di bollette, contro i 1.970 euro del 2022. Genova, in particolare, spicca per la spesa più bassa per l’elettricità.

Bollette, Genova guida la classifica delle più economiche

L’anno scorso Genova ha pagato la bolletta della luce più leggera d’Italia. Guardando alla spesa media delle Province della Regione, al secondo posto c’è Savona (629 euro), seguita da La Spezia (720 euro) e Imperia (724 euro).

La situazione cambia sul fronte del gas. Infatti, i cittadini della Provincia di Imperia hanno speso appena 646 euro. Genova scende al secondo posto nella classifica delle bollette meno care, che sono ammontate in media a 706 euro. In terza e quarta posizione ci sono Savona (798 euro) e La Spezia, Provincia più cara della Regione (808 euro).

Genoa, bollette e magliette

Le bollette di luce e gas riservano altre sorprese per i tifosi del Genoa. Il Front Jersey Sponsor del club ligure, Pulsee Luce e Gas, lancia un’offerta che coniuga energia e calcio. Infatti, i supporters del Grifone che sottoscriveranno un nuovo contratto di fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale avranno uno sconto fino al 100% sull’acquisto della maglia KAPPA® KOMBAT™ 2023/24.

In che modo? Scegliendo un contratto dual luce e gas i tifosi del Genoa otterranno uno sconto pari all’intero costo della maglietta. L’attivazione di una singola utenza, invece, permetterà di beneficiare di una riduzione del 60% del prezzo. Ma ci sono due condizioni: essere un nuovo cliente Pulsee Luce e Gas oppure sottoscrivere l’offerta per una seconda casa.

Genoa, la situazione societaria

Dal lato economico, il Genoa ha ottenuto il via libera dal Tribunale per l’accordo con il Fisco. Il patto, passato al vaglio dei giudici, prevede che la società paghi il 35% dei soldi che deve all’Agenzia delle Entrate, pari a 37.235.121, ottenendo lo stralcio del 65% del debito complessivo. La strategia di risanamento passerà attraverso quattro pilastri:

– miglioramento dei risultati sporti e appeal commerciale

– diminuzione costi aziendali;

– efficientamento gestione portafoglio calciatori e riduzione monte ingaggi;

– investimenti mirati su impianti sportivi

– rafforzamento patrimoniale da parte del socio

777 Partners, società di investimenti privati americana con sede a Miami, che oltre a essere proprietaria del Genoa C.F.C. ha anche altre squadre – Standard Liegi in Belgio, Red Star F.C. in Francia, CR Vasco da Gama in Brasile e Hertha BSC in Germania oltre ad avere quote di minoranza nel Sevilla FC e nel Melbourne Victory FC. verserà nelle casse del club rossoblu 57 milioni di euro. Intanto, dall’Inghilterra rimbalza la notizia che la holding starebbe facendo un passo indietro nell’acquisto del Liverpool, dopo mesi di trattative.

Napoli, Mazzarri ha le ore contate?

Il Napoli invece non vive il suo miglior momento. I pochi punti raccolti nelle ultime partite di Campionato fanno traballare la panchina di Walter Mazzarri.

In lizza per succedere all’allenatore del club partenopeo ci sarebbe già un candidato: Giampiero Gasperini, protagonista con la sua Atalanta di una seconda metà di stagione in crescendo ed ex Mister del Grifone dal 2013 al 2016. Indiscrezioni che accendono le speranze dei tifosi campani, ma tutto è ancora da scrivere. La short list dei potenziali sostituti del Presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, includerebbe anche Vincenzo Italiano (Fiorentina), Thiago Motta (Bologna), Francesco Farioli (Nizza) e Ivan Juric (Torino). ©

📸 Credits: Canva.com

📩 [email protected]. Il mio motto è "Scribo ergo sum". Mi laureo in "Mediazione Linguistica e Interculturale" e "Editoria e Scrittura" presso La Sapienza, specializzandomi in giornalismo d’inchiesta, culturale e scientifico. Per il Bollettino mi occupo di energia e innovazione, i miei cavalli di battaglia, ma scrivo anche di libri, spazio, crypto, sport e food. Scrivo per Istituto per la competitività (I-Com), Istituto per la Cultura dell'Innovazione (ICINN) e Innovative Publishing. Collaboro con Energia Oltre, Nuova Energia, Staffetta Quotidiana, Policy Maker e Giano.news.