giovedì, 23 Maggio 2024

Aramco punta a entrare in Formula 1 con un suo team

Sommario
ilbollettino-aramco-formula-1-aston-martin

Mentre il mondiale di Formula 1 prosegue con il Gran Premio del Giappone, che vede la Red Bull dominare la prima fila grazie alla pole position di Max Verstappen e al secondo posto di Sergio Perez nelle qualifiche, nel Circus si parla anche del possibile ingresso di nuovi team. Tra questi, Aramco, che potrebbe entrare direttamente in Formula 1 a partire dalla prossima stagione. Il colosso saudita del petrolio, già partner della massima serie automobilistica, è fortemente intenzionato a rilevare la Aston Martin dal patron Lawrence Stroll. La società saudita sarebbe pronta a investire una cifra pari a 1 miliardo di euro per acquistare la scuderia, di cui è già title sponsor dall’inizio della scorsa stagione. 

Aramco e gli interessi strategici sulla Formula 1

Quello di Aramco non è un nome nuovo per il motorsport. Dal 2020 infatti il colosso petrolifero è partner della massima serie automobilistica, a cui versa annualmente cifre intorno ai 45 milioni di euro. Negli ultimi anni ha manifestato un interesse crescente per la Formula 1, considerata un investimento strategico di ampio respiro. I sauditi stanno infatti lavorando sulla produzione di carburanti sostenibili e impegnarsi direttamente con una propria scuderia permetterebbe alla società di sviluppare la ricerca e la produzione in maniera più approfondita. Un discorso non troppo dissimile da quello che ha spinto Audi a impegnarsi per l’ingresso nel paddock a partire dal 2026

Aramco e il sogno Newey-Verstappen

Già al termine del 2023 il patron dell’Aston Martin Stroll aveva iniziato il proprio disimpegno, cedendo una quota della scuderia ad Arctos Partners, una società statunitense di Private Equity, proprietaria anche di una quota del Paris Saint Germain. E nel corso dei mesi si sono fatti avanti in tanti per acquistare il team. Se l’ingresso di Aramco in Formula 1 si concretizzasse, si aprirebbero interessanti spiragli sul mercato (già ampiamente scosso dall’annuncio di Lewis Hamilton in Ferrari dal 2025). Adrian Newey, l’ingegnere britannico della Red Bull corteggiatissimo da tutti i top team (tra cui Mercedes e Ferrari) è il primo nome sulla lista, insieme a Verstappen. Presentarsi nel paddock con il quattro volte campione del mondo sarebbe una bella dichiarazione di intenti per i sauditi.

Nel 2023 utile netto da 121 miliardi

Quello che è certo è che ad Aramco non mancano certo le risorse per finanziare un eventuale ingresso in Formula 1: si tratta infatti di una delle società più ricche al mondo, con una valutazione non troppo distante dai 2500 miliardi di dollari. Nel 2023 ha fatto registrare un utile netto di 121 miliardi e sono stati distribuiti dividendi per quasi 100 miliardi. La società è in mano al governo saudita, sia direttamente sia per mezzo del fondo sovrano PIF. ©

📸Credits: Canva

Laureato in Storia, entro in contatto con il mondo del giornalismo ai tempi dell’università attraverso testate locali, per le quali mi sono occupato soprattutto di sport, mia grande passione, ma anche di politica, attualità e temi sociali. Dal 2021 sono un giornalista pubblicista. Per Il Bollettino scrivo di sport.