mercoledì, 29 Maggio 2024

Giornata dei baci: quanto spendiamo in dentifricio?

Sommario
baci

Un bacio può essere un momento magico, un’emozione travolgente… ma anche un’esperienza decisamente meno gradevole. A fare la differenza, soprattutto una variabile: l’igiene orale del/la partner. Ma quanto investiamo in dentifrici e collutori?

Un’abitudine in espansione

L’igiene orale è di moda. Complice forse la pandemia, i periodi prolungati in casa e la disponibilità di ogni sorta di prodotti a portata di clic, gli italiani pensano di più ai loro denti. Nel 2022 la loro spesa in prodotti per salute e igiene della bocca è aumentata del 22% rispetto all’anno precedente, raggiungendo il 9% del totale nei carrelli dei supermercati. Dalle opzioni più economiche, che scendono perfino poco sotto l’euro, fino averi e propri dentifrici di lusso da 4, 5 o 6 euro, il tubetto di pasta bianca, colorata o a strisce è uno dei prodotti irrinunciabili per il Mercato nazionale . A rivelarlo è il marketplace Everli, che posiziona in cima agli articoli più acquistati dentifrici, spazzolini, collutori e filo interdentale. Le regioni dove si spende di più sono invece Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto, con Milano a fare da capitale nazionale per questa categoria merceologica. Una coincidenza curiosa: mentre impazza la moda di skincare e creme antietà (ne abbiamo parlato qui), è proprio la regina del fashion italiano a darsi sulla cura dei propri denti.

Un Mercato in crescita

Di pari passo va il settore, che sfrutta la crescita nella domanda per espandersi. A livello globale, il Mercato è valutato a quasi 30 miliardi di dollari, ma si prevede che supererà i 40 già nel 2028, con ritmi di crescita prossimi al 5% annuo (dati Insight Partners). Ma se si espande il numero all’intero ambito dell’igiene orale, la cifra totale sale a 53 miliardi nel 2024, con una crescita stimata del 3,14% annuo fino al 2028. E proprio dai prodotti secondari viene la principale opportunità per il settore, tanto in Italia quanto a livello globale: per natura, i consumi di dentifricio non sono soggetti a cambiamenti di volume particolarmente ampi. Per aumentare i profitti, le vie sono dunque due, specialmente nei Mercati sviluppati: alzare i prezzi o appunto ampliare la gamma di prodotti.

Dentifrici: una necessità crescente

Ma lavarsi i denti e prendersene cura potrebbe essere molto più di una moda. Infatti, prevenire è meglio che curare, ma soprattutto costa molto meno. In Italia, le cure dal dentista sono in rincaro, con una spesa totale di 8 miliardi da parte degli italiani nel 2023. A evidenziarlo è il rapporto “Revisione dell’accesso alle cure odontoiatriche nel SSN”, che rileva anche come il 51% della popolazione italiana si avvalga annualmente di almeno una prestazione odontoiatrica, ma ben il 92% lo faccia pagando l’intera prestazione. Non a caso, a fronte di una spesa privata tanto elevata, l’investimento pubblico in servizi dentistici si ferma a soli 85 milioni di euro annui, una delle ultime voci di spesa all’interno delle cure previste dal Sistema Sanitario Nazionale.

©

📸 Credits: Canva.com

Studente, da sempre appassionato di temi finanziari, approdo a Il Bollettino all’inizio del 2021. Attualmente mi occupo di banche ed esteri, nonché di una rubrica video settimanale in cui tratto temi finanziari in formato "pop".