venerdì, 1 Marzo 2024

Fast fashion: upcycle per combattere la sovrapproduzione

upcycle

La parola chiave per il mondo del fashion post pandemia è upcycle. Sì, il riciclo creativo è destinato a diventare un nuovo modo di pensare la moda. Non solo un trend ma un vero mercato, più sostenibile e Green.

«I magazzini dei brand sono pieni di capi non venduti. Dopo tre stagioni hanno un valore praticamente pari a zero, e ancora oggi finiscono per essere bruciati. Noi li prendiamo, li rilavoriamo, li rimettiamo sul mercato con un valore aggiunto. A prezzo pieno se non addirittura maggiorato rispetto all’originale e con una bella storia di sostenibilità. Credo che questa sia un’opportunità da sfruttare», dice Fabrizio Consoli, founder e CEO di Blue of a Kind, che ha l’obiettivo di dare nuova vita a prodotti dismessi e tessuti scartati, per realizzare jeans e capi sostenibili.

In termini ambientali, i processi produttivi del settore fanno acqua da tutte le parti. Secondi al mondo in termini di consumo e responsabili del 20% dei rifiuti idrici globali.

«Noi usiamo non più solo materiali post consumer ma anche post industrial, quelli che vengono chiamati leftover, scarti di lavorazione e tessuti non utilizzati perché fallati. Di base si tratta di stoffe bianche che vengono tinte con il processo Recycrom di Officina+39: si prendono vecchie t-shirt, si dividono per colore e si frantumano fino a trasformarle nella polvere colorata che sarà la tinta dei nostri capi». ©

Sara Zolanetta

LinkedIn Sara Zolanetta

Twitter @fataverdina

Foto: Fabrizio Consoli

Laureata in Scienze ambientali all’Università di Milano Bicocca, ho frequentato un master in Comunicazione scientifica e quello in Giornalismo della Scuola “Walter Tobagi/Ifg”. Dal 2011 sono giornalista professionista. Ho lavorato come freelance e autrice televisiva per media nazionali e internazionali. Nel 2013 mi sono trasferita in Israele come corrispondente per testate italiane. Dal 2019 insegno Linguaggio audiovisivo e Videogiornalismo alla Civica Scuola di Cinema “Luchino Visconti” di Milano. Per il Bollettino mi occupo della redazione web e dei canali social. 📧 [email protected]